Dopo settimane di tumulto dietro le quinte e calma piatta sui social, finalmente posso dire: benvenuto nella mia nuova web-casa.

Non è forse la frase a effetto che ci si aspetterebbe ma è proprio così che mi sento: in piedi sulla soglia, pronta ad accogliere gli amici per la festa di inaugurazione. E sì, sto fremendo anche perché questo mix di gioia e attesa ha sballato il mio ciclo di sonno-veglia senza possibilità di redenzione…

Benvenuto, dunque. Vieni, ti faccio fare un giro.

 

In cucina: il team

Se questa casa avesse stanze, è qui che accoglierei chi ha lavorato insieme a me: in cucina, come si fa con i parenti e gli amici più intimi. Perché il percorso di rebranding è stato lungo e intenso… ma ho avuto la fortuna di viaggiare con persone positive, incoraggianti e autentiche. E di conoscerle un po’ meglio lungo la strada.

Al mio tavolo troveresti Anna, la brand coach con cui ho ridisegnato le fondamenta della mia brand identity. Ljuba, che ha creato gli spazi della mia casa virtuale affinché fossero accoglienti e sempre funzionali per gli ospiti. Laura, che ha sublimato la mia filosofia nel logo, nelle icone e nelle cornici che decorano le stanze. Giui, che ha saputo interpretare il mio mondo con le immagini. Tatiana, il capomastro che ha curato l’architettura SEO affinché tutto fosse in ordine.

Da ciascuna ho imparato qualcosa di nuovo. Da tutte ho ricevuto il supporto, l’attenzione e l’energia necessari a trasformare questo progetto in realtà.

 

In salotto: cosa resta, cosa cambia

Un rebranding non è un cambio d’abito. È un (lungo) momento di riflessione sulla propria attività, sulla strada che si vuole percorrere e su come si intende procedere. Dopo quindici anni di evoluzioni graduali, era tempo di fare il punto della situazione.

In breve: resta ciò che faccio. Tra le nuove pagine non troverai millemila servizi in più, perché questa rivoluzione nasce dal bisogno di dare il giusto peso alle cose, non di cambiare rotta. Allo stesso modo, resta il tema dell’alchimia perché esprime esattamente il modo in cui percepisco il mio lavoro.

Di contro, cambia il modo in cui ho scelto di raccontarlo. Non solo tramite immagini e colori ma anche (e soprattutto) con una voce e un approccio che mi appartengono. E questa credo sia la miglior consapevolezza che si possa maturare.

 

In taverna: cose belle per te

Se il mio piano malvagio per un buen retiro nella campagna inglese avrà mai successo, nella mia casa ci sarà una taverna. Un luogo tranquillo dove leggere un buon libro e fantasticare sprofondata in una poltrona gigantesca… Nell’attesa, ho pensato di creare uno spazio di lettura per te: il Grimorio. È una raccolta di guide, articoli e risorse utili che puoi sfogliare quando vuoi.

 

Sull’uscio: Argento vivo

A differenza delle case, i siti web non hanno il campanello. Le notifiche push, dici? Non fanno per me. Invece, ho creato una newsletter con cui possiamo restare in contatto. Si chiama Argento vivo, arriva una volta al mese e ti porta consigli sulla comunicazione, aggiornamenti e qualche piccola sorpresa.

 

Spero tornerai a trovarmi presto! Nel frattempo, preparo un altro po’ di tè.

Box chi sono

Sono Alessandra, copywriter e traduttrice di Torino. Con il mio lavoro, aiuto professionisti e aziende a raccontare idee e progetti in modo più efficace e autentico. Perché la comunicazione è alchimia.